Società Italiana di Tecnica Bidimensionale
Seguici su

Arcata Mandibolare

Arcata Mandibolare

Quando, in un trattamento, si determinano situazioni di ancoraggio "medio", in cui nulla viene applicato per controllare la forza di reazione, bisogna porre una particolare attenzione al modo con cui si chiudono gli spazi. Poichè un importante obiettivo del piano di trattamento è quello di creare, mesialmente ai canini, lo spazio necessario all'allineamento degli incisivi,se, raggiunto lo scopo, residua ancora spazio, esso viene chiuso per mesializzazione del gruppo posteriore.

In conseguenza di ciò, un importante punto di riferimento è il rapporto tra la quantità di affollamento e la quantità di spazio presente davanti ai canini.

Se l'affollamento è di 2 mm./lato, e lo spazio esistente tra laterali e canini è di 2 mm./lato, ciò indica che la retrazione dei canini è stata completata, ed eventuali spazi distalmente ai canini devono essere chiusi protraendo i denti posteriori.

Se invece si hanno 2mm./lato di affollamento, e solo 2 mm. a disposizione nell'emiarcata, bisogna ancora distalizzare i canini e, conseguentemente, bloccare il gruppo posteriore per mezzo, ad esempio, di un Lip Bumper.
 

In condizioni di ancoraggio medio, si possono verificare tre situazioni:

Lo spazio può chiudersi per il contemporaneo e quantitativamente uguale spostamento dei canini e del gruppo posteriore in avanti. Ad esempio, 2 mm. di spazio vengono chiusi con 1 mm. di spostamento distale dei canini e 1 mm. di protrazione dell'unità premolare-molare (Fig. 29a-30).

Il gruppo posteriore potrebbe mesializzarsi più velocemente di quanto il canino si distalizza, rendendo necessario, in questo caso, un cambiamento della meccanoterapia, con l'aggiunta di un Lip Bumper alle forze elastiche di I Classe.

Se invece il canino si muove indietro più rapidamente rispetto allo spostamento mesiale del gruppo posteriore, per cui gli incisivi si allineano e vi è ancora spazio dietro ai canini, bisogna stabilizzare il gruppo frontale, inserendo su di esso coppie di forze (torque sugli incisivi e molle di uprighting sui canini), mentre si procede con la chiusura degli spazi.